Troppi incidenti sul lavoro: le soluzioni applicabili

Troppi incidenti sul lavoro: le soluzioni applicabili

Più di 3 morti bianche al giorno nel 2021: lo scorso anno sono stati registrati 1221 incidenti mortali all’Inail, in leggera diminuzione rispetto al 2020 ma sempre alti e inaccettabili.

Le denunce di infortunio sul lavoro sono state 555.236 (+0.2% rispetto al 2020) e le patologie di origine professionale denunciate sono state 55.288 (+22,8% rispetto al 2020).

I dati non sono comunque incoraggianti. Ci sono ancora troppi gli incidenti sul lavoro, molti di questi con tragiche conseguenze, e i sindacati di categoria chiedono a gran voce un sistema efficace che qualifichi le aziende reputando quelle con meno infortuni più idonee alla partecipazione agli appalti pubblici.

Manca inoltre l’attuazione della famosa patente a punti per le imprese edilizie della quale si parla ormai da più di un decennio ma che ancora non è stata ufficializzata per la mancanza di un decreto attuativo. I punti verrebbero decurtati in caso di negligenza e infortuni e attribuiti in base agli investimenti aggiuntivi sulla sicurezza.

Il Governo, attraverso il decreto fiscale, concretizza la stretta su questo grave problema, ampliando i poteri dell’Ispettorato, che dovrà coordinarsi con l’Asl di competenza, rendendo le sanzioni più aspre.

SANZIONI PIÚ ASPRE

Un maggiore coordinamento delle ispezioni anche a livello provinciale, inoltre, consentirebbe la flagranza di reato verso molte imprese non conformi, evitando quindi la pratica scorretta di mettersi in regola solo a seguito di segnalazione e garantendo così un maggior rispetto delle regole.

La banca dati tenuta dall’INAIL con il contributo dei Ministeri del Lavoro, della Salute e dell’Interno e delle Regioni verrà rafforzata. Il Sistema Informativo Nazionale per la Prevenzione nei luoghi di lavoro (SINP) che fornisce le informazioni per la pianificazione e la valutazione dell’efficacia della prevenzione, verrà alimentata con un’apposita sezione dedicata alle sanzioni.

Il provvedimento di sospensione dell’attività, senza rischio di recidiva, viene reso obbligatorio in tutti i casi di gravi violazioni di prevenzione infortuni e  nel caso in cui più del 10% dei lavoratori risultasse in nero (prima il limite era al 20% ed era facoltà degli organi di vigilanza intervenire con la sanzione). Sotto tale soglia non sono comunque escluse le sanzioni pecuniarie e durante il periodo di sospensione le imprese non possono contrattare con la Pubblica Amministrazione.

AZIONI PREVENTIVE

La fretta di concludere un lavoro, la disattenzione, la mancanza di un’adeguata formazione del personale, sono solo alcune delle cause che possono provocare gli incidenti sul luogo di lavoro; alcuni purtroppo con esiti irreversibili.

Il rispetto delle regole in materia di prevenzione della salute e la sicurezza sul posto di lavoro non dovrebbe essere mai approssimativo e di forma, ma attuato alla lettera.

Safety Job punta al digitale per offrire un servizio a supporto degli attori coinvolti nella sicurezza aziendale, proprio perché l’errore umano è sempre in agguato, soprattutto in condizioni lavorative più esposte ai pericoli, come quelle nell’ambito edilizio.

I tecnici di Sikuro hanno molti anni di esperienza alle spalle nel lavoro di cantiere edile e, grazie ai colleghi tecnici informatici, sono riusciti a plasmare un sistema digitale che sia in grado di far risparmiare tempo alle imprese, migliorando al contempo le capacità di prevenzione e controllo della sicurezza.

Il lavoratore è in prima persona esposto a una situazione di pericolo, e per questo motivo è anche la prima figura aziendale coinvolta nella sicurezza. Il lavoratore sa per primo come gestire al meglio il proprio lavoro per non correre rischi: metterlo al centro delle procedure di prevenzione è fondamentale.

L’App Io Lavoro Sikuro ha questa particolare e importantissima funzione. In connessione al software Sikuro Cantieri mette in comunicazione i lavoratori con l’azienda, rendendoli protagonisti della comunicazione aziendale, aumentando e migliorando la sicurezza e il clima lavorativo.

I near miss, i quasi infortuni, le anomalie, i possibili malfunzionamenti, vengono segnalati per tempo.

Gli archivi documentali sono sempre accessibili e le informazioni sono smart e a portata di click.

I lavoratori hanno il diritto di sentirsi tutelati, e grazie al loro diretto coinvolgimento hanno il dovere di sentirsi anche loro responsabili della propria incolumità.

La Risk Individuation è il primo passo per una sana prevenzione dei rischi sul posto di lavoro; se verrà finalmente istituita la patente a punti, Sikuro sarà di efficace aiuto nel mantenere alto il punteggio aziendale.

Un’impresa sicura è un’impresa competitiva e in salute. Safety Job ha lo strumento per garantire ai propri Clienti la loro salute e la loro alta reputazione aziendale.


SE VUOI RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI COMPILA IL FORM QUI SOTTO: ti contatteremo presto per fornirti tutte le informazioni di cui hai bisogno.